Le imprese garantite non andranno all’inferno ma la malavita è pronta ad aprirne le porte

Le imprese garantite non andranno all’inferno ma la malavita è pronta ad aprirne le porte

Le imprese garantite non andranno “all’inferno”. Una sintesi brutale, ma credo significativa, cui ci sollecita la Banca d’Italia con una comunicazione di oggi, pubblicata sul sito istituzionale. Si parla di prestiti alle imprese, tutte (quindi anche del comparto agricoltura), relative garanzie e accordi cosiddetti “a saldo e stralcio”. Il tutto nasce perché le garanzie concesse sono da sempre registrate (termine tecnico “segnalate”, ma non come nell’antiriciclaggio) da chi le concede, per lo più banche, alla cosiddetta Centrale dei Rischi, che risiede in Banca d’Italia.

L’articolo del Prof. Razzante per Agricolae.

A seguire l’articolo completo: https://www.agricolae.eu/razzante-le-imprese-garantite-non-andranno-all-inferno-la-malavita-pronta-ad-aprirne-le-porte/